Statisticamente i consumatori sono attratti dai marchi famosi oppure da un’offerta particolarmente conveniente. Quello dei consumatori è, quindi, un comportamento condizionato dalle campagne pubblicitarie o dal prezzo.
Anche questo articolo è un tentativo, dichiarato, di orientare le scelte di acquisto stimolando però una “consapevolezza green”.

Le aziende ci studiano, analizzano i dati e le statistiche sulle preferenze dei clienti, per cui sono in grado di capire se un acquisto è influenzato o meno da una scelta ecologica. Ad esempio, sono in grado di sapere se i consumatori preferiscono acquistare prodotti con marchio FSC o PEFC rispetto ad altri che ne sono privi. Le aziende possono così decidere esse stesse di procedere a certificare la propria azienda per non perdere quote di mercato.
Il consumatore, con il proprio comportamento di acquisto, può quindi a sua volta condizionare le aziende.

Ma cosa significa che un’azienda è certificata FSC o PEFC?
Uno dei problemi maggiori del nostro pianeta è quello della deforestazione o, in generale, dell’utilizzo di foreste non gestite in maniera sostenibile. Se un’azienda produttrice di arredamento o di carta si certifica FSC o PEFC garantisce di verificare che la materia prima che utilizza deriva da foreste sostenibili e quindi non contribuisce, con la propria attività, all’impoverimento del pianeta.
Avere una certificazione forestale significa proteggere i territori, verificare l’origine delle materie prime, rispettare il naturale ritmo di crescita della foresta, prevedere il rimboschimento delle aree, garantire i diritti delle popolazioni indigene e dei proprietari forestali.

Vi sembra poco? Allora perché non premiare le aziende certificate FSC e PEFC per spingere quelle non certificate a seguire il loro esempio. Con i nostri acquisti quotidiani possiamo contribuire consapevolmente alla salvaguardia del Pianeta preferendo i prodotti con il marchio FSC o PEFC.
Cliccate qui se siete interessati a FSC o PEFC.
Se siete un’azienda che vuole capire come fare per certificarsi cliccate QUI.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *