Il 28 aprile di ogni anno ricade la ricorrenza della Giornata mondiale della sicurezza e salute sul lavoro (SSL), coordinata dall’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO).

Lo slogan di quest’anno, Fermare la pandemia: la sicurezza e la salute sul lavoro possono salvare vite, non poteva non riferirsi all’emergenza che stiamo vivendo.

Pian piano stiamo entrando nella Fase 2 ed è proprio ora che la nostra attenzione deve essere più alta al fine di scongiurare un riacutizzarsi della crisi con un innalzamento del numero dei contagi.

Cosa possiamo fare? Semplicemente rispettare le regole sia nel privato sia nella nostra attività lavorativa.

Proprio in quest’ultimo ambito la scorsa settimana sono stati siglati tre importanti protocolli in ambito lavorativo:
– Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid -19 negli ambienti di lavoro
– Protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del Covid – 19 nei cantieri
– Protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del Covid – 19 nel settore del trasporto e della logistica

In essi sono state definite le misure di prevenzione da adottare rispettivamente nelle aziende, nei cantieri edili e nel settore dei trasporti e della logistica.

Sulla sicurezza nelle aziende abbiamo realizzato un video che è possibile vedere cliccando QUI.

Sulla sicurezza sui cantieri analogo intervento sarà pubblicato sabato 2 Maggio sempre nella rubrica Tecniche di Orientamento.

Allora come possiamo fare per celebrare degnamente la Giornata Mondiale della Sicurezza e Salute sul Lavoro?

Semplicemente impegnandoci a rispettare e far rispettare i protocolli appena siglati.

Solo con le misure di prevenzione possiamo fermare la pandemia e risparmiare altre vite umane.

Infine, per chi fosse interessato, segnalo un interessante Seminario organizzato dall’ILO sull’argomento che si terrà alle ore 15:00 registrandosi a questo link.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *